Sabato 18 luglio i maestri di judo dell’associazione Sport Dream and Power hanno portato alla festa della pizza fritta di Casalazzara (Aprilia) le tecniche, prese e filosofia dello sport di cui sono campioni.

Subito dopo la messa e la recita dei cresimandi della Parrocchia, gli allenatori Linda, Davide, Mirko, Mary, Roberto e Marco hanno montato il tatami in pochissimi minuti mentre i bambini che hanno partecipato all’esibizione si cambiavano indossando il judogi.

Con la presentazione delle tecniche e dello spirito fondante di quest’arte marziale da parte del papà di due piccoli allievi, Stefano Di Puccio, le attività si sono svolte tra gli applausi del pubblico e dei genitori.

“Molti di questi bambini all’inizio dell’anno scolastico non facevano neanche le capriole. Il judo non serve solo ad atterrare l’avversario ma anche ad avere un controllo totale del proprio corpo anche quando cade. Le prime cose che si insegnano, infatti, sono proprio le cadute”. Con queste parole dello speaker sono state illustrate le tecniche di riscaldamento e allungamento muscolare che hanno preceduto le dimostrazioni di combattimento.

In chiusura un vero mini-incontro tra Davide e Mirko, terminato con un atterramento di schiena da parte di Mirko decretato vincente da parte dell’arbitro, la presidente Linda Politi.

Tutto l’evento è stato trasmesso in diretta streaming su Periscope, tanto è vero che i video di questo articolo riferiti allo spettacolo di sabato sono in verticale proprio in accordo con le regole dell’app di Twitter.

Lasciate le vostre impressioni nei commenti, sono importanti tanto quanto gli applausi che avete riservato loro.

 

Redazione.

2 Comments

  1. Grazie ragazzi, grazie a tutti i genitori che hanno partecipato con i bimbi, ci siamo divertiti, è stato bello…vedere i bimbi cosi emozionati e cosi bravi, disciplinati ….seguire perfettamente cio che gli veniva chiesto…..bravi bravi bravi. speriamo di replicare presto

  2. CHI FA LE COSE CON IL CUORE , PASSIONE, E L’AMORE VERRA’ PREMIATO SEMPRE….BRAVI, Linda, Davide, Roberto , Mirko, Marco, Mary.

Rispondi